AUTUNNO: COSA CAMBIA PER CANI E GATTI

cani e gatti in autunno

AUTUNNO: COSA CAMBIA PER CANI E GATTI

Le giornate si accorciano, le temperature si abbassano e i nostri pet con l’arrivo dell’autunno sono soggetti proprio come noi umani a malesseri e malanni tipici dovuti al cambio di stagione. L’autunno, insieme alla primavera, rappresenta un periodo molto critico per la salute dei nostri cani e dei nostri gatti, che in seguito alla muta potrebbero ammalarsi ed essere attaccati da parassiti.

 

 

MUTA
Andiamo con ordine: quando parliamo di muta intendiamo il cambio del pelo dei nostri animali domestici. Questo cambiamento avviene solitamente in autunno e in primavera: in questo periodo, i nostri pet si rinnovano, lasciando cadere il pelo estivo per mettere su un manto più fitto, utile loro per proteggersi dal rigido clima invernale.
Cane
La muta nel cane è un fenomeno naturale, influenzato da diversi fattori, e per favorire la ricrescita del pelo è necessario spazzolare frequentemente il manto, utilizzare shampoo specifici e prodotti antiparassitari. La toelettatura e la cura del pelo è importantissima, in autunno più che mai: in questo periodo infatti, il cane tenderà a grattarsi spesso per favorire la caduta del pelo estivo. Oltre che per aiutarvi a tenere pulita la casa, è bene quindi spazzolare regolarmente Fido per agevolare la caduta del pelo vecchio e ossigenare quello nuovo, che dovrà proteggerlo per tutto il lungo inverno.
Nel caso in cui la perdita di pelo vi sembrasse eccessiva o troppo consistente, è bene rivolgersi al veterinario, che potrebbe ritenere utile l’assunzione da parte del vostro amico di zampa di particolari integratori alimentari.
Gatto
Esattamente come per il cane, spazzolare il pelo del gatto è davvero importante! Purtroppo, non tutti i parassiti sono eliminati dalle “auto” pulizie feline e spazzolando, aiutiamo i nostri mici a liberarsi non solo dei parassiti appunto, ma anche di tutta la sporcizia che in autonomia non riescono ad allontanare. Come sappiamo, i gatti amano prendersi cura della loro igiene in autonomia, ed è per questo che non adorano i bagnetti: tuttavia, soprattutto per i gatti che amano gli ambienti esterni e che hanno accesso a giardini e cortili, è bene dar loro una zampa perché per liberarsi di tutte le impurità non c’è niente di meglio di un bel bagno. Per i gatti a pelo corto è sufficiente un bagnetto ogni 6-8 settimane mentre per quelli a pelo lungo si ottiene una pulizia ottimale aiutandoli a lavarsi ogni 3-4 settimane. Ricordiamoci sempre che è bene fare il bagnetto al nostro micio lontano dai pasti principali, per non disturbare la sua digestione.

PRIMI MALANNI
L’arrivo dell’autunno si rivela problematico per i nostri pet anche perché possono anche insorgere malanni di stagione quali raffreddori, bronchiti e (nei casi più gravi) polmoniti, senza contare che i pet più sensibili e cagionevoli possono risentire anche di fastidi legati all’apparato respiratorio e/o intestinale, chiaramente connessi al cambio repentino delle temperature. Per tutelare i nostri animali cerchiamo di non portarli fuori nelle ore più fredde e di riparare Fido con un impermeabile durante le vostre passeggiate in caso di pioggia.

ALIMENTAZIONE
Solitamente il nostro appetito varia a seconda delle stagioni: se è vero che d’estate mangiamo meno, è anche vero che in autunno e avvertendo i primi freddi, l’appetito e la fame aumentano. Anche in questo caso il comportamento dei nostri pet è simile a quello umano e con l’autunno il loro appetito aumenta, così come il dispendio di energie: fido e micio hanno bisogno che la loro alimentazione sia ricca di vitamine, proteine e sali minerali.
Ricordiamo tuttavia che per i nostri pelosi l’autunno non deve significare letargo, pigrizia e sedentarietà ma l’attività fisica deve essere mantenuta regolare e il nostro compito è assolutamente quello di stimolare l’esercizio del proprio peloso, incoraggiandolo a giocare insieme all’aperto o a passeggiare, ovviamente nelle ore più miti e calde della giornata.

Nessun Commenti

Scrivi Commento