La disidratazione nel cane

La disidratazione nel cane

La disidratazione nel cane è uno stato patologico che si verifica quando l’organismo perde una quantità maggiore di liquidi rispetto a quella che introduce. Attenzione! Non è una prerogativa umana, anzi: con l’arrivo della stagione estiva e di conseguenza del caldo, questa emergenza coinvolge molti animali.

Quali sono le maggiori cause di disidratazione?

La disidratazione nel cane può insorgere se l’animale smette di alimentarsi o di bere, se viene ridotta l’assimilazione dei nutrienti o dell’acqua, se c’è una perdita di liquidi provocata da episodi di vomito o dissenteria.

Alcuni disturbi e malattie rappresentano cause predisponenti, quali le infezioni batteriche, virali o fungine, le parassitosi, le ostruzioni nel tratto digerente, le malattie renali o endocrine (per esempio il diabete).

I cani di taglia piccola risultano maggiormente predisporti a questo rischio, in considerazione del loro elevato rapporto superficie-volume.

disidratazione del cane

I segni di disidratazione nel cane

  • La pelle è rugosa, secca, perde elasticità: ecco uno dei primi segnali che ci fa capire che il nostro cane non è ben idratato. Non allarmiamoci! Per sapere se un cane è disidratato, si può fare una semplice prova definita test della plica cutanea: consiste nel pizzicare leggermente la pelle sotto la nuca, sollevandola. Quando la si lascia ricadere, la pelle di un cane sano torna subito al suo posto. In un cane disidratato ciò non succede, la pelle ci mette molto di più a tornare a posto: infatti, il tempo di riposizionamento della piega è un buon indicatore per capire il grado di disidratazione del cane e quindi la gravità della situazione;
  • Il naso è asciutto e screpolato, le gengive sono secche, quasi appiccicose;
  • La frequenza cardiaca del cane è accelerata, si parla di tachicardia;
Negli stadi più avanzati notiamo anche
  • L’urina molto scura, perché concentrata;
  • Manifestarsi di malesseri quali vomito e diarrea;
  • Gli occhi sono infossati nella cavità;
  • Le mucose appaiono pallide e le estremità al tatto risultano fredde;
  • Il respiro è affannoso e l’ansimare è eccessivo;
  • Il pet sembra instabile sulle zampe e abbattuto, fino ad arrivare quasi al barcollamento.

È possibile stimare il grado di disidratazione in base alla percentuale di perdita di liquidi

% DI DISIDRATAZIONE:

ESAME FISICO:

<5%

Perdita di fluidi ma assenza di sintomi clinici

5%

Mucosa orale asciutta

7%

Mucosa orale asciutta, lieve/moderata riduzione dell’elasticità cutanea, lieve tachicardia, diminuzione del polso

10%

Mucosa orale asciutta, moderata/grave riduzione dell’elasticità cutanea, tachicardia, diminuzione del polso, infossamento bulbo oculare, depressione

>10%

Mucosa orale asciutta, grave perdita dell’elasticità cutanea, significativi sintomi di shock. Morte imminente se l’animale non riceve cure veterinarie tempestive.

 La terapia in caso di disidratazione

Se il cane è disidratato, non sarà sufficiente dargli da bere acqua. Teniamo bene a mente: la disidratazione e la sete non sono la stessa cosa. La disidratazione è uno stato patologico causato dalla perdita di liquidi organici che altera le normali funzioni fisiologiche, mentre la sete è l’istintivo desiderio di assunzione di liquidi. La disidratazione è potenzialmente pericolosa per la salute del tuo pet (e non tutti gli animali domestici disidratati hanno come sintomo la sete).

Affidiamoci al veterinario che somministrerà al nostro pet apposite soluzioni fluide per reintegrare i liquidi persi e correggere il deficit

  • Assicuriamoci sempre che il nostro cane abbia a disposizione una ciotola con acqua pulita e fresca. È molto importante invogliarlo a bere (fatta eccezione se ha vomitato, perché in quel caso l’assunzione di liquidi non è indicata), soprattutto nei giorni in cui fa più caldo, come in questo periodo. Quando usciamo con Fido, non facciamoci trovare impreparati: portiamo sempre con noi una bottiglietta d’acqua.
  • Ricordiamoci che come vale per noi, anche per i nostri pet è importante seguire una dieta equilibrata e bilanciata: nel loro caso non dobbiamo dimenticarci del cibo umido, che chiaramente contiene molti più liquidi rispetto al cibo secco.
Nessun Commenti

Scrivi Commento