NON É MAI TROPPO TARDI: NONNO LAZZARO TROVA CASA A 15 ANNI

NON É MAI TROPPO TARDI: NONNO LAZZARO TROVA CASA A 15 ANNI

Malato di tumore, ora questo anziano cagnolino è stato operato ed è diventato la mascotte di una cooperativa sociale dove trascorre le giornate circondato dall’affetto e dalle coccole dei ragazzi che vi lavorano.

È bastata una foto per cambiare il destino di questo anziano cagnolino: Patrizia una delle volontarie della Sezione di Mugello – Valdisieve (FI) della Lega Nazionale per la Difesa del Cane non ha potuto dimenticare quel musino imbiancato e ha segnalato all’associazione la situazione di Lazzaro, un vecchietto di circa 15 anni, di soli 8 kg, un po’ cieco un po’ sordo, trovato vagante nei pressi di Firenze senza microchip e con un tumore molto esteso. Per Nonno Lazzaro il primo, piccolo, miracolo è stato la perfetta riuscita del difficile intervento per asportare il tumore. Dopo l’operazione Lazzaro, vecchietto forte e coraggioso, si è ripreso velocemente ma, una volta guarito, il suo destino imponeva il trasferimento in canile in mancanza di una pronta adozione. Trovare una sistemazione per lui si è subito presentata come un’impresa non facile, nonostante Lazzaro si sia dimostrato fin da subito affettuosissimo, perfetto al guinzaglio e ubbidiente, prova che in passato una famiglia l’aveva sicuramente avuta.

Consapevoli dell’urgenza di trovare a Lazzaro una sistemazione adeguata, anche in vista dell’inverno, i volontari hanno pensato a “un’adozione collettiva”: grazie alla disponibilità della Cooperativa Sociale Il Girasole di Firenze, per l’anziano cane si sono aperte le porte di una super-famiglia, dove lavorano tanti ragazzi speciali che hanno scelto di aiutare tutti coloro che si trovano in difficoltà e che cercano tutti i giorni di regalare loro un sorriso. E così Nonno Lazzaro è diventato la mascotte della cooperativa, la sua casa è con Marco che lo porta con sé tutti i giorni in ufficio, dove per lui c’è sempre un cuscino, una ciotola, una carezza o un biscottino.
Ogni tanto trotterella in corridoio, si affaccia discreto a una porta, accoglie chi entra in sede, saluta e torna sul suo cuscino. Marco non è solo nella gestione di Nonno Lazzaro, in tanti si sono resi disponibili a occuparsi di lui, per la passeggiata per portarlo dal veterinario ma anche per accoglierlo quando Marco deve assentarsi. In alcune case c’è già una cuccia pronta se dovesse servire. Anche se le condizioni di salute di Nonno Lazzaro non sono delle migliori, oltre al tumore che potrebbe ripresentarsi, anche il suo cuoricino non è in perfetta forma, si affatica facilmente e anche per salire le scale deve essere preso in braccio, lui appare felice e ha sempre un bacino per tutti. “Per l’adozione di Nonno Lazzaro LNDC ringrazia la Cooperativa Sociale Il Girasole di Firenze e in particolare Marco, Claudio, Marilena, Alessandra, Annarita, Teresa, Pierpaolo e i ragazzi della segreteria. Un altro grazie va alla U.O. Veterinaria ASL10 Firenze per l’operazione e per avere creduto che il cane ce l’avrebbe fatta” ringrazia l’associazione. “Un abbraccio tocca a Patrizia, per aver segnalato il caso di Nonno Lazzaro e per l’amore che mette in tutto ciò che fa. Grazie a tutti loro ha un futuro, non si sa quanto lungo ma certamente costellato di tanta serenità e di tanto amore”.

Nessun Commenti

Scrivi Commento