Temporali di primavera, 4 consigli utili per aiutare i nostri cani a superare la paura

Temporali di primavera, 4 consigli utili per aiutare i nostri cani a superare la paura

Con l’arrivo della primavera si apre anche la stagione dei temporali, che per molti dei nostri cani si traduce in un periodo piuttosto difficile da affrontare.

Il cane ha un udito che supera di quattro volte il nostro: percepisce onde sonore fino a 40mila Hertz, ed è facile comprendere, dunque, perché il nostro amico a quattro zampe è spaventato da temporali e fuochi d’artificio: il volume a cui vengono percepiti è nettamente superiore a quello che udiamo noi e può risultare talmente inteso da essere insopportabile.

Tuttavia ci sono cani che soffrono più di altri. Per quale ragione alcuni hanno più paura e altri meno? Certamente alla base della diversa reazione ci sono il carattere del cane e il suo bagaglio esperienziale: un cucciolo nato e cresciuto in campagna, per esempio, dove i rumori sono pressoché pochissimi, e su cui non si è mai lavorato alla sensibilizzazione ambientale, avrà sicuramente molta più paura dei temporali di un cane di città, abituato ai rumori forti, alle auto, al traffico.

La discriminante è la buona socializzazione effettuata fin da cuccioli: il cane nei primi mesi di vita deve poter fare le giuste esperienze, che gli diano gli strumenti per affrontare in modo adeguato gli scacchi che la vita gli porrà davanti. Questo non esclude che talune problematiche possano sorgere anche da adulto, ma poter lavorare sul cucciolo, preparandolo alla vita, può largamente fare la differenza.

E se il nostro amico ormai è adulto, come possiamo aiutarlo? Ecco qualche buon consiglio.

 

  1. IMPONIAMOCI L’AUTOCONTROLLO

Se il nostro cane è in preda al panico non cediamo all’emotività: noi siamo la sua guida, dobbiamo sempre mostrarci calmi per non peggiorare la situazione, confermandogli con il nostro comportamento e il nostro stato emotivo che la sua paura è più che giustificata.

Evitiamo, quindi, di continuare a toccarlo o di sommergerlo di coccole, ma facciamo sentire la nostra vicinanza comportandoci come se non stesse succedendo nulla. Rassicuriamolo semplicemente con la nostra presenza.

 

  1. NON PRIVIAMOLO DEL SUO POSTO SICURO

Tantissimi cani con l’arrivo del temporale hanno un posto sicuro in cui si vanno a nascondere: non impediamogli di utilizzare questo riparo né forziamolo a uscire. Piuttosto sistemiamoci vicino a lui, ma senza alimentare la sua paura, in modo quasi indifferente. È molto importante appoggiarsi a un esperto in comportamento per evitare interventi inappropriati: con un buon lavoro potremo fare in modo che il nostro amico cerchi spontaneamente protezione da noi.

 

  1. DISTRAIAMOLO

Se il nostro cane ha paura, ma non siamo di fronte a una vera e propria fobia, possiamo cercare di distrarlo: coinvolgiamolo in un’attività che gli piace particolarmente, in modo da associare il temporale a una cosa positiva (per esempio un gioco di fiuto e ricerca con i bocconcini, oppure un gioco di masticazione ecc…). Accendiamo la TV o lo stereo, e cerchiamo di attutire il rumore proveniente dall’esterno, chiudendo finestre e imposte, o magari scegliendo una stanza della casa meno esposta all’esterno.

 

  1. “DESENSIBILIZZAZIONE”

Talvolta cani che hanno paura dei temporali, temono i rumori forti in generale. In questo caso, con l’aiuto di un educatore, possiamo lavorare sulla desensibilizzazione, in modo da renderli sempre meno timorosi con l’andar del tempo.

Purtroppo, pur con tutti gli accorgimenti del caso, non sempre la paura dei temporali è pienamente superabile: nei casi di forte stress è bene rivolgersi al medico veterinario di fiducia e farsi consigliare dei mangimi complementari a effetto rilassante o i fiori di Bach.

Tuttavia gli effetti di questi rimedi sono visibili solitamente dopo qualche giorno di somministrazione, e dunque funzionano più per eventi programmabili (come i fuochi di artificio di Ferragosto) dove possiamo provvedere per tempo a preparare il nostro pet.

 

In collaborazione con Federica Villa, Educatrice Cinofila presso Asilo per cani Dog is Good
Nessun Commenti

Scrivi Commento