Vacanze con i pet

Vacanze con i pet

10 consigli utili per preparare una vacanza con i pet al top

Viaggiare informati è il miglior modo per godersi una vacanza. Se quest’anno abbiamo deciso di partire con i pet al seguito, è bene muoversi per tempo, per evitare di incappare in spiacevoli sorprese. Ma quali sono i “must” da verificare?  Ecco 10 consigli utili per una vacanza davvero al top.

  1. DESTINAZIONE E DOCUMENTI

Una volta scelta la destinazione, verifichiamo bene quali sono i documenti da preparare e da avere con noi: se resteremo in Italia sarà sufficiente il libretto sanitario aggiornato e per i cani il certificato di iscrizione all’Anagrafe Canina. Se la meta scelta, invece, è all’estero, le regole variano da paese a paese: libretto sanitario e passaporto saranno sempre obbligatori (anche per il gatto che dovrà avere il microchip o tatuaggio chiaramente leggibile se apposto prima del 3 luglio 2011), ma è bene verificare quali sono le vaccinazioni, le profilassi e i certificati richiesti, per evitare che il nostro migliore amico venga bloccato in dogana.

Inoltre, alcuni paesi, come Regno Unito e Danimarca, non accettano l’ingresso su suolo nazionale di alcune razze, come per esempio pitbull terrier o dogo argentino, ritenute pericolose. Infine i Paesi Extra Ue possono avere regole molto rigide circa l’ingresso di un animale: informiamoci presso le singole ambasciate con almeno 5-6 mesi di anticipo.

  1. VACCINAZIONI E PROFILASSI

Per viaggiare all’estero, oltre alla consueta profilassi, è sempre richiesta la vaccinazione antirabbica, il cui periodo di validità parte dal 21esimo giorno intercorso dal completamento del protocollo vaccinale e ogni successiva vaccinazione deve essere eseguita durante il periodo di validità della precedente. Inoltre, alcuni paesi richiedono il trattamento per l’echinococco multilocularis, un endoparassita della famiglia delle tenie.

  1. ANTIPARASSITARI E PREVENZIONE

Applichiamo sempre un buon prodotto antiparassitario contro, acari, pidocchi, zecche e pulci e, se si viaggia in periodi e zone a rischio, proteggiamo il nostro pet da leishmaniosi, filaria ed ehrlichiosi. Informiamoci prima di partire se in loco è presente una clinica 24h o uno studio veterinario a cui potersi appoggiare in caso di emergenza.

Scopri le nostre offerte sugli antiparassitari.

  1. MEZZI DI TRASPORTO

Sarebbe opportuno viaggiare con mezzi che i nostri animali hanno già sperimentato e con cui si sentono più a loro agio, tuttavia non sempre è possibile. Se viaggiamo in auto, e il tragitto è lungo, prevediamo delle tappe intermedie, lasciamogli a disposizione un po’ di acqua e una copertina con l’odore di casa. Se soffrono di chinetosi, consultiamoci con il nostro veterinario per prevenire l’insorgenza di agitazione, affanno, salivazione eccessiva e vomito.

Se invece viaggiamo in treno, nave o aereo non esistono regole generali comuni, ma ogni compagnia ha il suo regolamento interno: è importante perciò chiedere quali saranno le condizioni in cui possono viaggiare i nostri animali (cabina, stiva, scompartimento riservato) perché spesso variano in funzione del tipo di animale, delle dimensioni, e del tipo biglietto acquistato dal proprietario.

 

  1. ALBERGHI, CASE VACANZE &C.

    Sono in crescita le strutture che ospitano volentieri i nostri animali, tuttavia i servizi offerti possono essere diversi: verifichiamo, per esempio, se ci sono zone della struttura off limits, se è possibile lasciare il nostro cane in stanza da solo per qualche ora se vogliamo visitare un posto dove non gli è consentito l’accesso (per esempio un museo), oppure se offrono un servizio di pet-sitting.

  2. LEGGI E REGOLAMENTI

    Questo consiglio vale principalmente per i proprietari di cani: teniamo il nostro quattro zampe sempre al guinzaglio e portiamo con noi la museruola (che potrebbero richiederci per legge).
    Verifichiamo cosa prevedono i regolamenti comunali per spiagge e parchi urbani e quelli per i parchi naturali.

  3. RESPONSABILITÀ CIVILE

    L’argomento è spinoso, ma non meno importante: noi siamo legalmente responsabili per i danni causati dai nostri animali a persone e cose. Se già non abbiamo una copertura assicurativa potrebbe essere un buon momento per stipularla. Alcune assicurazioni offrono polizze specifiche, altre includono gli animali nella polizza RC della famiglia.

  4. UNA VALIGIA ANCHE PER LORO

    Ciotole, pappa, cuccia (se trasportabile), giochi preferiti, sacchettini per le deiezioni, salviettine disinfettanti, lettiera, sabbietta, tiragraffi, accessori per la toelette. Ricordiamoci eventuali farmaci, se i nostri pet stanno seguendo delle cure, e un piccolo kit di pronto soccorso (cerottini, disinfettante, garze, probiotici, antiemetici).

  5. ROUTINE E BENESSERE

    Cerchiamo di non stravolgere completamente la routine dei nostri animali: sforziamoci per quanto possibile di mantenere le stesse ore per pasti, pisolini e passeggiate, e riserviamogli le stesse attenzioni che ricevono a casa. Se abbiamo un gatto, portiamo con noi un diffusore di feromoni sintetici per aiutarlo ad ambientarsi meglio nella nuova sistemazione.

  6. UN RICORDO È PER SEMPRE

    Ricordiamoci sempre di scattare qualche foto, e al nostro rientro di stamparne alcune per creare un album di tutti i nostri ricordi più felici!

Semplici e ottimi consigli per una vacanze con il tuo cane all’insegna dell’organizzazione e del divertimento. Pianificare una vacanza con il tuo pet in modo da godersi in pieno l’estate senza inutili spiacevoli sorprese.

Nessun Commenti

Scrivi Commento